Tag

, , , , , , , , , , , , , ,

Non solo parole: parole e ritmo, parole e azione. Azione poetica, musicale, artistica. Azione che cambia tutto. Necessaria, limpida. Trasformativa. Una fonte a cui bere ogni volta che si ha sete.

120212-bob-marley-rect-1354470243Oggi si celebra l’anniversario della nascita di Bob Marley, un cantante che ha cambiato profondamente il modo di fare musica e ha dato il via a una rivoluzione importante. Una rivoluzioe interiore che ci parla di consapevolezza, quella necessaria a raggiungere uno stato di equilibrio dinamico su cui potrebbe fondarsi la pace nel mondo. Tutto questo passa anche attraverso di lui perché il movimento di rinnovamento delle coscienze è andato avanti anche grazie alle sue parole.

Emancipate yourselves from mental slavery / None but ourselves can free our minds

canta in Redemption song

Qui sotto gli eventi a cui si può partecipare:

http://www.eventireggae.it/19522/bob-marley-70th-celebration-tutti-gli-eventi-dedicati-al-re-del-reggae/

Lucha por lo que quieres en la vida porque nadie lo va a hacer por ti.

Sì, bisogna lottare in prima persona per ottenere ciò che si desidera, ciò per cui vale la pena vivere e soprattutto per portare avanti battaglie importanti, capaci di modificare profondamente la nostra esistenza e quella di chi ci sta accanto. Perché grazie a quello che stiamo facendo, e al nostro potere di influenza, potremo contribuire a realizzare un mondo in cui i valori del rispetto della vita, in primis, siano come dei fari che ci guidano nel difficile cammino che ci si prospetta davanti. Ognuno di noi ha una sua personale missione da portare avanti, un suo specifico. Siamo unici e il nostro contributo è fondamentale. Necessario. Utile anche solo per fare quel passettino in più che può fare la differenza. L’importante è riconoscere il nostro potenziale e portare fino in fondo le scelte compiute, abbracciarle e farle sempre più nostre. E’ quello che ha fatto, per esempio, Paola Maugeri. paola_maugeri_9576

La sua rivoluzione passa attraverso la musica ma anche attraverso la scelta alimentare perché un mondo più compassionevole per l’ambiente, per gli altri esseri viventi che lo abitano, modifica radicalmente l’approccio alla vita, cambia il nostro modo di percepire. E’ da lì che inizia il percorso. DSC8419Il veganesimo è solo il punto di partenza. Il resto è un viaggio da affrontare che può portare a un nuovo modo di interagire, può portare alla ricomposizione di quel dissidio tra uomo e ambiente e di conseguenza tra mente e corpo. Perché nulla è separato. Nulla vive senza entrare in relazione con il tutto. Domani, sabato 7 febbraio, alle 13.00, Paola Maugeri sarà a Milano, all’ OLISFestival, per presentare il suo libro, Las Vegans, e per parlare con chi è interessato al veganesimo. Un incontro dal titolo “Tutto quello che avreste voluto sapere sul veganesimo e non avete osato chiedere”. Un’occasione per riflettere insieme.

http://www.olisfestival.it/event-registration/?ee=142

paola-maugeri-las-vegansTra l’altro, molti grandi artisti e molti scrittori, anche nel passato, erano convinti assertori della dieta vegetariana. P.B. Shelley, ad esempio, che scrive in Sul sistema vegetale di dieta:shelley

Il macello d’innocui animali non può mancare di produrre molto di quello spirito d’insana e spaventevole esultanza per la vittoria acquistata a prezzo del massacro di centomila uomini. Se ne deriva che l’uso del cibo animale sovverte la pace della società umana, e quanto inescusabile è l’ingiustizia e la barbarie contro queste miserande vittime! Esse vengono chiamate in vita artificialmente affinché conducano una breve e miserabile esistenza di schiavitù e pena, abbiano i loro corpi mutilati, i loro sentimenti oltraggiati.

Anche Pitagora, Platone e Plutarco erano vegetariani. E poi Lucrezio e Seneca. E ancora Tolstoj e George Bernard Shaw. E tanti altri.

L’importante è scegliere e vedere dove porta la scelta.

Buon viaggio.